Fonte Stampa Atletico Arzignano C5

La notizia era già nell’aria e ora arriva anche l’ufficialità: Franco Valerio (in foto) sarà l’allenatore della prima squadra dell’Atletico Arzignano anche per la prossima stagione. Il presidente Riccardo Tolio ha voluto confermare la fiducia al tecnico anche per la nuova stagione dopo il buon campionato che si è appena concluso, terminato al 5^ posto e condito dall’emozionante trionfo di gennaio in Coppa Italia Regionale.


Alla fine della sua prima stagione come allenatore nel futsal regionale, Franco Valerio fa il punto della situazione sulla stagione appena conclusa e si sbilancia quindi in qualche previsione sulla stagione che verrà.


È finita una stagione ed è per tutti tempo di bilanci. Come valuteresti la tua prima stagione all’Atletico Arzignano?

“La squadra dell’Ateltico Arzignano merita un bel 9 per la stagione: playoff raggiunti, in bacheca una Coppa Veneto ed un buonissimo cammino in fase nazionale di Coppa Italia. Per me, invece ,come prima esperienza all’Atletico e come prima esperienza in una C1 competitiva come mai in passato, ritengo di poter dire di aver raggiunto la sufficienza! Per questo, come ho fatto personalmente, non smetterò mai di ringraziare i miei giocatori che mi hanno permesso ed aiutato a lavorare sempre con entusiasmo e fiducia. Certo un esterno potrebbe dire che si sarebbe potuto pretendere di più: sono d’accordo che avevamo i mezzi per raggiungere altri traguardi, ma forse non avevamo ancora acquisito abbastanza esperienza per farlo. Le valutazioni di un operato si fanno sempre tenendo conto anche del contesto in cui viene svolto ed anche se la società ha fatto il massimo per metterci a disposizione i mezzi per lavorare bene, ritengo sia una impresa ottenere questi risultato in un campionato competitivo come quello appena concluso, allenandoci praticamente 2 ore e mezza a settimana. Sia chiaro che non è colpa di nessuno, ma tutti sanno dell’affollamento che la struttura del PalaTezze aveva quest’anno.”

In virtù dell’esperienza maturata quest’anno, porterai delle novità o dei cambiamenti nel modo di affrontare la prossima stagione?
“Confido di poterne portare molte. Ammetto che quest’anno avrei voluto lavorare di più su certe situazioni di gioco ma, pur non volendo essere una giustificante, ho dovuto fare delle scelte sulla base del tempo di allenamento a disposizione: ritengo che i ragazzi abbiano risposto benissimo alla situazione, dimostrando di poter raggiungere ottimi risultati sul campo. Credo che un allenatore, come tale, non ha mai finito di imparare ed ha sempre da confrontarsi e imparare dagli errori passati oltre che procedere con una azione di aggiornamento. Chi mi conosce sa che non cerco mai giustificazioni e che mi assumo sempre le responsabilità di quello che faccio, e proprio per questo non sopporto alcuni errori che personalmente posso aver commesso durante la stagione. L’esperienza è una cosa fondamentale ed ho tutte le intenzioni di continuare a farla per maturare e migliorare sempre di più, felicissimo di metterla a disposizione per il secondo anno all’Atletico.”

Si riparte con la nuova stagione con rinnovato entusiasmo, con le iscrizioni e il “calcioa5mercato” ancora in alto mare e con tutti gli equilibri che sono ancora da stabilire. Cosa ti senti di prevedere per la prossima stagione?
“Le previsioni sono sempre pericolose e non sono solito farne. Mi piace invece essere pragmatico ed iniziare a lavorare bene fin da subito per poter ottenere i risultati il prima possibile. L’entusiasmo in casa Atletico non è mai un problema con un Presidente come Tolio, esigente perché ha passione in quello che fa, come molti del suo staff. Il calciomercato è partito e stiamo già lavorando per allestire una squadra che possa essere competitiva fin da subito: si sa che non è facile collimare le esigenze di tutti ma il presidente ha lavorato bene sul mercato lo scorso anno e lo farà ancor meglio quest’anno. Confido in molte riconferme ed è logico sperare (quale allenatore non lo chiederebbe) in qualche rinforzo di valore tecnico. Intanto, quello che prevedo, sarà tanto impegno per offrire ancora tanto divertimento a noi in campo e al pubblico.”